Lingua 

Aggiornamenti  | Medjugorje  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Video  | Galleria | Mappa del Sito  | Sulle[EN]  | Registro degli Ospiti

www.medjugorje.ws » PDA version » Messaggi di Medjugorje » Riflessioni sui Messaggio di Medjugorje, 25 ottobre 2002

Riflessioni sui Messaggio di Medjugorje, 25 ottobre 2002

Other languages: English, Čeština, Deutsch, Español, Français, Hrvatski, Italiano

 

Messaggio di Medjugorje, 25 ottobre 2002

"Cari figli, vi invito anche oggi alla preghiera. Figlioli, credete che con la preghiera semplice si possono fare dei miracoli. Attraverso la vostra preghiera, voi aprite il vostro cuore a Dio e Lui opera miracoli nella vostra vita. Guardando i frutti, il vostro cuore si riempie di gioia e di gratitudine verso Dio per tutto quello che fa nella vostra vita e attraverso voi per gli altri. Pregate e credete figlioli, Dio vi da delle grazie e voi non le vedete. Pregate e le vedrete. Che la vostra giornata sia riempita di preghiera e ringraziamento per tutto quello che Dio vi da. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. "

La nostra Madre celeste, la Beata Vergine Maria, si è presentata qui a Medjugorje come Regina della Pace. Uno dei suoi primi messaggi fu: “Pace, pace, pace tra gli uomini e Dio e pace tra gli uomini”. Il messaggio di settembre era simile ai primi suoi messaggi. La Madonna non ha bisogno di cambiare le sue parole, i messaggi sono simili e quasi uguali,come uguale è il suo amore verso di noi. L’amore materno di Maria non è diminuito e neanche aumentato, perché non può essere più grande; siamo noi che abbiamo bisogno di cambiare e di crescere, non la Madonna. Nel suo cuore ci sta ognuno di noi. La Madre Celeste ci invita ad incamminarci verso la fonte da dove proviene il suo messaggio, la sua parola: questa fonte è il suo cuore. In tutti questi anni possiamo vedere il forte desiderio di Maria: che anche noi possiamo crescere ed essere là dove è Lei.

Maria è assunta in cielo, ma non è inattiva: una madre non può stare ferma a guardare i suoi figli dove vanno e cosa fanno. Lei è preoccupata, come era preoccupata quando ha perso Gesù dodicenne a Gerusalemme. Ma la Madonna è anche felice, gioiosa per tutti quelli che si sono svegliati e si sforzano di rimanere sulla strada che ci porta a Gesù. Questo messaggio, come quasi tutti i messaggi, comincia con l’invito alla preghiera e con la raccomandazione ad ascoltare il suo invito. Sembra che la Madonna non abbia niente di più importante e più necessario da dire a noi. Madre Maria vuole che giorno per giorno siamo riempiti di gioia e di gratitudine come è riempito anche il suo cuore. Anche Maria, che vede e sa meglio di noi, non conosce una strada migliore di quella che in tutti questi anni ci consiglia; se sapesse una strada migliore, di sicuro non ce la nasconderebbe. Lei non ci può ingannare e deludere perché non si è mai sentito che chiunque si è rivolto a Lei sia rimasto deluso e non esaudito. Ci mette nelle mani la preghiera, che può sembrare debole e semplice mezzo al quale è difficile credere; è difficile credere che possa fare grandi cose. Solo i semplici e gli umili di cuore riconoscono la preghiera come strada verso Dio. Per questo Gesù esulta nel Vangelo: “Io ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, che hai nascosto queste cose ai dotti e ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli” (Lc. 10,21). Davvero solo i piccoli e i poveri in spirito riconoscono le opere di Dio e facilmente riconoscono la presenza della Madre che viene a noi oggi qui. Sappiamo dal Vangelo che Gesù non poteva aiutare quelli che si avvicinavano a Lui pieni di se stessi, con le montagne del proprio orgoglio. Gesù stesso non aveva uno spazio dove venire. Santa Teresa d’Avila diceva: “Dio aspetta soltanto la nostra decisione, il nostro si’, per poter fare tutto da solo nella nostra vita”. Dio ci aspetta con amore per poterci arricchire con se stesso. Lui aspetta ogni cuore, ogni famiglia fino a quando verrà ospitato come carissimo ospite e amico, fino a quando apriremo la porta della nostra casa come ha fatto Zaccheo nel Vangelo. Allora la vita di Zaccheo poteva cambiare, rinnovarsi e riempirsi con senso; allora Zaccheo era capace anche di donare i suoi beni, era capace di perdonare e chiedere perdono. Sono poche le cose che possiamo fare con le nostre forze umane. Con le forze umane non è possibile perdonare, amare, non è possibile diventare santi, perché questo è lavoro che solo Dio fa in noi se glielo permettiamo, se gli diciamo sì. Spesso nella nostra vita non è un problema se siamo capaci o no di perdonare, ma il problema è il nostro no al perdono e con ciò il nostro no alla libertà. Bisogna solo chiedere a Dio questa forza, questa possibilità di perdonare e Lui ce la concederà. Madre Teresa diceva: “Amate la preghiera, allenate la volontà nella preghiera e vincete la noiosità della preghiera”. La preghiera può essere difficile e noiosa, ma Dio no, mai. Se preghiamo spesso, la nostra preghiera diventa migliore. La preghiera in se stessa non ha senso; se la preghiera non ci cambia, allora siamo noi che dobbiamo cambiare la preghiera. Perciò la Madonna ci dice: “Pregate con il cuore”, perché l’organo per la preghiera è il cuore. Senza le rinunce, i sacrifici e soprattutto senza la disciplina, non possiamo progredire sulla strada verso la santità, verso Dio. Come non possiamo allontanarci con la barca dalla spiaggia se è legata: è inutile remare; come è inutile pregare se siamo legati con i peccati, con l’odio e con il non perdono. Permettiamo alla Madre Maria di guidaci verso Gesù per diventare persone che vedono e riconoscono che Dio guida la nostra vita, che Dio è vivo e guida anche tutta la storia umana.

Preghiera e Benedizione

O Beata Vergine Maria, Madre del nostro Signore e Salvatore Gesù, sii con noi, sii con ogni nostra famiglia. Aiutaci, o Maria, che ti possiamo aprire i nostri cuori e riconoscerti come Madre. Tu che ci accompagni in questa valle di lacrime, Tu che sei la nostra compagna, desideriamo Maria accoglierti dalle mani di Gesù, che ha affidato nelle tue mani la sua Chiesa, ognuno di noi e tutto il mondo. O Maria, non ti stancare di cercarci lungo le strade; soprattutto cerca tutti i perduti, i disperati, gli allontanati dal tuo cuore, perché Tu possa guidarci alla fonte della vita che è Gesù. E per intercessione della Beata Vergine Maria, benedica voi e le vostre famiglie e vi protegga da ogni male Dio Onnipotente, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Pace e bene a tutti.

Padre Ljubo


Per confrontare i messaggi con altro linguistico verso assortire

 

PC version: Questa pagina | Medjugorje | Apparizioni  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Galleria[EN]  | Medjugorje Videos[EN]