Lingua 

Aggiornamenti  | Medjugorje  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Video  | Galleria | Mappa del Sito  | Sulle[EN]  | Registro degli Ospiti

www.medjugorje.ws » PDA version » Messaggi di Medjugorje » Riflessioni sui Messaggio di Medjugorje, 25 marzo 2001

Riflessioni sui Messaggio di Medjugorje, 25 marzo 2001

Other languages: English, Deutsch, Français, Hrvatski, Italiano, Polski

 

Messaggio di Medjugorje, 25 marzo 2001

"Cari figli, vi invito anche oggi ad aprirvi alla preghiera. Figlioli, vivete in un tempo nel quale Dio vi dona grandi grazie, ma voi non sapete utilizzarle. Vi preoccupate di tutto il resto, e dell'anima e della vita spirituale il minimo. Svegliatevi dal sonno stanco della vostra anima e dite a Dio con tutta la forza Si. Decidetevi per la conversione e la santità. Sono con voi, figlioli, e vi invito alla perfezione della vostra anima e di tutto quello che fate. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. "

La nostra Madre celeste, Regina della Pace, non cessa di parlarci. Anche questo mese ci ha dato il messaggio per incoraggiarci sulla strada della vita. Nei molti messaggi precedenti la Madonna ci ha richiamato all'attenzione dicendoci che ci troviamo in "un tempo di grazia". Il "tempo di grazia" è un tempo privilegiato nel quale i doni di Dio si possono ricevere più facilmente. Con le Sue apparizioni la Madonna ha fatto anche di Medjugorje un luogo di grazia. Molti lo hanno affermato, perché avevano un cuore disponibile e aperto all'azione di Dio. Personalmente ho sperimentato nel confessionale una più facile apertura di cuore e disponibilità a riconciliarsi con Dio, con gli altri e con se stessi. Molti mi dicevano che qualcosa nel loro intimo li spingeva di venire qua a confessarsi. Ho toccato con mano tante grazie, tante guarigioni, soprattutto spirituali. Quando l'uomo perde tutti gli appoggi, denaro, onore, salute, amore umano, lavoro, allora rimane solo l'unico appoggio: Dio, nel quale l'uomo si può sentire pienamente sicuro.
La perdita delle sicurezze umane, che l'uomo disperatamente cerca su questa terra, può essere un dono, una grazia, un invito. Tutte le altre sicurezze sono temporanee. Quando l'uomo vive una delusione nell'amore, nel lavoro, nella propria famiglia, delusione della propria moglie o del proprio marito, delusione dei propri figli, tutto ciò può essere un'occasione e un dono; ma può anche essere una totale distruzione. Se in queste situazioni terribili l'uomo sa gridare al Suo Dio, cercarLo pregando, leggendo la Bibbia nonostante che non capisca tanto con il cervello ma col cuore, se sa credere, sperare contro ogni speranza, come Abramo, soltanto allora si dà a Dio l'occasione e lo spazio nella propria vita. Allora Dio diventa nostro Signore e sembra che Gli diciamo: "Dio, in Te la mia pace e la mia vita, nonostante tutto quello che mi succede su questa terra. Tu sei più forte di tutto, Tu sei Onnipotente. Metto Te al primo posto nella mia vita, perché Tu sei più importante. Io non so cosa è bene per me, soltanto Tu lo sai. Nonostante che io non capisca tutto quello che mi succede, so che Tu conosci bene e che Tu guidi tutto."
La nostra Madre celeste sa bene come ci attacchiamo facilmente alle cose, a quello che ci piace, a ciò che attrae i nostri occhi. Come il frutto dell'albero di Eden ha attratto Adamo ed Eva, così anche il peccato. Ogni peccato è attraente e piacevole; così almeno sembra a noi. Mentre Dio a prima vista non è tanto attraente. Ma c'è differenza: la decisione per Dio ci porta alla vita, la decisione per il peccato ci porta alla morte. Abbiamo dimenticato l'anima che grida in noi; bisogna nutrirla con i Sacramenti e la preghiera. I segni che ci manda la nostra anima sono: le collere, le bugie, i diversi attaccamenti alle cose, l'impazienza, il poco amore per le persone, per la famiglia, per i propri figli, per gli anziani. Tutto questo è un segno che la nostra anima è affamata. La Madonna ci indica la strada; ci dice cosa può soddisfare la nostra anima e la nostra vita.
Ti ringraziamo, o Madonna, e desideriamo incamminarci con Te di nuovo, nonostante che sperimentiamo le nostre stanchezze, le nostre debolezze.

PREGHIERA E BENEDIZIONE
Signore, Dio nostro e Padre nostro, sostenitore della vita di ognuno di noi, Ti ringraziamo per la Madre del Tuo Figlio Gesù Cristo che ha accolto e ha creduto pienamente nel compimento della Tua Parola che Le hai mandato attraverso l'Angelo Gabriele. Aiutaci a seguirLa perché Ella diventi nostra guida ed esempio di come si può arrivare a sperimentare cosa è vero amore, vera gioia e letizia. Grazie Maria anche per il Tuo messaggio di questo mese nel quale ci dici che dobbiamo e possiamo crescere ancora di più nella vita spirituale. O Maria, Tu sai come ci perdiamo facilmente e ci attacchiamo alle cose che non ci possono dare la vita e la vera gioia che c'è in Te e che Tu hai sperimentato. Portaci e guidaci sulla strada della vita, nonostante che ci sembra dura e faticosa. Possiamo e desideriamo incamminarci di nuovo, anche se sperimentiamo stanchezza e delusioni e anche se tutti intorno a noi non credono e non pensano come noi. Ma noi vogliamo volgere il nostro sguardo su di Te, non su quello che ci spaventa. Benedici noi, o Maria, proteggici con la Tua benedizione materna. Vi benedica Dio onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo. Amen. Pace e bene.
Padre Ljubo


Per confrontare i messaggi con altro linguistico verso assortire

 

PC version: Questa pagina | Medjugorje | Apparizioni  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Galleria[EN]  | Medjugorje Videos[EN]